Batterie ricaricabili NiMH

Consigli utili per la ricarica

La maggior parte delle batterie ricaricabili di formato AA (Stilo) e AAA (ministilo) presenti nel mercato sono di tipo Nichel Metalidruro (NiMH).

A differenza delle vecchie batterie Nichel-Cadmio (NiCd), soffrono meno di effetto memoria, quindi non è sempre necessario scaricarle totalmente prima di ricaricarle.

La capacità varia all'incirca da 950 a 3000 mAh (milliAmpere). Diffidate di capacità troppo alte!

Il voltaggio è di 1,2 Volt, inferiore a quello delle alcaline dello stesso formato (1,5 Volt), ma possono essere ugualmente usate come batterie convenzionali. Se ne consiglia l'uso per dispositivi usati frequentemente e/o che hanno consumi relativamente alti: macchine fotografiche digitali, macchine radiocomandate, telefoni cordless, etc.

La vita media di una batteria ricaricabile viene misurata in cicli di carica, ma in ogni caso nel tempo andranno a perdere efficenza. Per farle durare il più possibile, meglio cercare di sfruttare quasi tutta la carica e poi ricaricare, evitare di lasciare le batterie inultilizzate per tempi lunghi e caricare per un tempo opportuno evitando sovraccarichi.

I tempi di carica variano sia in base alla capacità della batteria, che all'erogazione del caricatore. Esistono caricatori più o meno veloci, da circa 160mAh a 800 mAh. I caricatori più lenti di solito non interrompono l'erogazione a carica completa, quindi bisognerebbe spegnerli dopo un tempo opportuno attenendosi alla seguente formula:
formula tempi di carica

La maggior parte delle batterie ricaricabili sono inoltre soggette ad autoscarica (si scaricano da sole se non utilizzate). Conviene quindi caricarle poco prima dell'effettivo momento d'uso. Esistono comunque batterie dette Ready To Use (Pronte all'uso) che soffrono meno di questo problema.